IL PRIMO E UNICO PORTALE IN ITALIA DEDICATO AI GATTINI NEONATI, IN SVEZZAMENTO E IN CRESCITA

Adottare un gattino > Adozione
età adottare gatto

A che età adottare un gatto? Quando separare il gattino dalla mamma?

Molte persone non hanno la minima idea di quale sia l'età giusta per adottare un gatto. Un gattino non è pronto da adottare appena sa mangiare da solo!

Dalla primavera alla fine dell’estate si possono trovare gattini da adottare praticamente ovunque. Anzi, talvolta capita di imbattersi in un gattino abbandonato senza nemmeno volerlo. E' questa facilità di trovare un cucciolo che talvolta non fa fermare una persona a informarsi bene sull'età migliore per separare il gattino dalla sua mamma.

Per chi non vede l'ora di accogliere il gattino, è normale essere in trepidante attesa. Non si vede l’ora che il cucciolo accenni ad una qualche autonomia per poterlo portare a casa.

Per chi si e’ ritrovato la cucciolata in casa o in cortile diventa quasi automatico cercare di dare via i gattini il prima possibile.

E qui nasce l'inghippo...

In genere un gattino a 5 settimane, cresciuto con la sua mamma, e’ in grado di mangiare da solo.

Contestualmente, a questa età, se non viene ben seguito, sporca ovunque. Bisogna prestare la massima attenzione perché può facilmente mettersi in pericolo e ne consegue che diventi davvero impegnativo gestire una cucciolata per varie settimane ancora.

Un allevatore o una persona esperta sa esattamente come affrontare queste settimane impegnative. Chi, invece, la cucciolata non l'ha neanche voluta oppure chi ha avuto la fantomatica idea di "facciamo fare una cucciolata alla gatta per provare" si trova sopraffatto dai piccoli gattini-tornado combinaguai!

Considera inoltre che l'aspetto di un gattino a 5-6 settimane di età è meravigliosamente buffo, rotondo, morbido. Il micino ha con grandi occhi rotondi e un'andatura un po’ goffa. Praticamente è IRRESISTIBILE.

Il gatto da adottare a 5-6 settimane di età

Chi è intenzionato ad adottare un gattino, se non si è informato con attenzione, può ritenere autonomo il gattino a 5-6 settimane di età, in quanto è in grado di mangiare da solo.

L'adottante e l'improvvisato che ha con sè la cucciolata, non sanno cosa significhi per un gattino rimanere con mamma e fratelli fino almeno ai 2 mesi di età. Il cuccioletto viene così portato nella nuova famiglia e a me viene da dire: “tanti auguri a tutti”.

IL GATTINO FINO ALMENO ALLE 8 SETTIMANE DI VITA DEVE RIMANERE CON LA SUA MAMMA

Fino alle 8 settimane (sarebbe perfetto un periodo di 12 settimane) il gattino deve rimanere con la sua mamma e con i suoi fratelli. Mamma gatta in primis e i fratellini in una sorta di sinergia, permettono al gattino di sviluppare le FONDAMENTALI BASI di autocontrollo, di socializzazione intraspecifica, gestione della risposta alle varie esperienze da affrontare: nessun umano può svolgere il compito di una mamma gatta.

Un gattino privato o deprivato di questa fase fondamentale di crescita con mamma e/o fratellini, svilupperà molto probabilmente disturbi comportamentali. Essi si manifesteranno già durante la crescita e poi in età adulta.

E' importante sapere a che età adottare un gatto

Ora hai compreso perché spesso chi vuole dare via il gattino preme affinché tu possa portarlo a casa il prima possibile. Hai compreso anche quanto questo possa essere dannoso per il gattino stesso (e per la tua famiglia che convivrà con quel gattino per molti anni!).

Se hai dubbi su che età abbia effettivamente il gattino che stai per adottare, puoi consultare il mio articolo dedicato e schiarirti ogni perplessità!

NB: In questo post mi sto riferendo a cucciolate in situazioni normali, non a rischio, con gattini cresciuti con mamma gatta e fratellini, che vivono in contesti socializzati con le persone.

Chi sono

 

Sono Ilaria, dal 2014 mi occupo di gattini neonati e in crescita. Non ho mai creduto nelle frasi quali “la natura deve fare il suo corso” o “senza mamma non ha speranze”.

C’è quasi una rassegnazione al fatto che una parte dei gattini neonati sia destinata a non sopravvivere.

Sono una Consulente certificata in comportamento felino e una studiosa appassionata di gattini, con una ampia esperienza in merito. Ho creato il primo e unico portale in Italia dedicato al mondo dei gattini in crescita, dove ho raccolto informazioni utili che possono aiutare a ridurre i tassi di mortalità dei gattini e consigli pratici per chi li accudisce. Non sono un medico veterinario, al quale ti consiglio di rivolgerti per ogni problematica del tuo gattino.

 

DISCLAIMER:

Ogni articolo è puramente informativo, non sono un medico veterinario e non ho la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari, né realizzare alcun tipo di diagnosi.

In nessun caso le informazioni racchiuse in questo blog informazioni possono costituire indicazione di un trattamento possibile o la prescrizione di un trattamento medico oppure sostituire la visita e/o il rapporto diretto con un veterinario. Prima della somministrazione di qualsiasi farmaco o in presenza di qualsiasi tipo di malessere invito il lettore a contattare prontamente il veterinario.

Eventuali decisioni prese dal lettore sulla base delle informazioni riportate in questo blog, sono assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio. Qualora il gatto stia male, invito sempre a contattare immediatamente il veterinario.

Tutte le informazioni del sito laryeilmondodeigattini.it derivano da esperienze personali, informazioni raccolte da studi clinici e/o articoli scientifici di pubblico dominio, da fonti bibliografiche citate o da materiale di libera consultazione sul web, pertanto sono da intendersi esclusivamente a scopo informativo, senza essere in alcun modo legalmente perseguibili e quindi non si accettano responsabilità per danni derivati dall’uso di queste informazioni. I contenuti del sito sono da intendersi come approfondimento culturale: non sostituiscono la diagnosi e il rapporto diretto con un veterinario.

 

 

 

 

Ultimi articoli