Adottare un gattino > Adozione

L’inserimento di un gatto se c’è già un gatto in casa

Ogni volta che un gattino viene adottato, raccomando infinitamente che venga attuato un corretto inserimento nella nuova casa. A maggior ragione se sono già presenti altri animali. 

Sara’ l’euforia del nuovo arrivato, ma avviene che, in almeno due terzi delle adozioni, gli adottanti dopo un’ora dall’arrivo in casa del nuovo gattino, questi è già stato liberato insieme agli altri animali (nello specifico insieme agli altri gatti di casa).

I problemi che si possono evitare

Soffiate, brontolii, zampate...  e a quel punto (quando ormai il danno e’ fatto)  l’adottante si spaventa, magari separa di nuovo gli animali, ma dopo qualche ora o il mattino seguente li rimette insieme, poi si pente e li separa ancora, va a tentativi e mette il nuovo arrivato in camera (magari la stanza prediletta del gatto di casa) o al contrario lo confina in garage, finché non li rimette tutti di nuovo insieme... Una confusione che destabilizza ancora di più i gatti. Pian piano (nel corso dei giorni e delle settimane) iniziano a insorgere problemi. Posso farti alcuni esempi:

  • uno dei gatti ora fa la pipì sul divano; 
  • uno dei gatti vive in stato perenne d’allerta, non dorme praticamente mai e/o azzanna il proprietario come se fosse la sua preda; 
  • il gatto di casa soffia e ringhia al proprietario quando l’altro nuovo gatto si avvicina oppure non vuole più stare in casa;
  • il gatto di casa fa mobbing al nuovo arrivato e lo aggredisce appena ne ha l’occasione.

Questi sono alcuni dei problemi comportamentali che si potrebbero evitare con un corretto e lungo inserimento, sia che il nuovo arrivato sia un gattino, sia che si tratti di un gatto adulto. 

Lo scopo delle raccomandazioni sull’inserimento e’ proprio di NON CREARE UN PROBLEMA ALLA FAMIGLIA con l’adozione di un nuovo gatto! 

Segui questi consigli e vivrete tutti (proprietari e gatti) serenamente la nuova adozione.

Ps. Ho ricevuto molti racconti di (giovani) gatti che, non appena si sono visti, sono andati d’amore e d’accordo: queste casistiche rappresentano tuttavia una percentuale molto bassa sul totale delle adozioni e posso dire che siano stati dei grandi colpi di fortuna. Se i gatti sono destinati ad andare d’accordo, lo saranno anche facendo un inserimento corretto. Quindi non c'è nessun motivo sensato per non farlo!

L'UNICO MODO DI FARE UN INSERIMENTO

Non ci sono TANTI modi per fare un inserimento quando hai già un altro gatto in casa. Esiste UN SOLO MODO. 

  1. Scegli, prima dell’arrivo del nuovo gattino, una stanza della casa che sarà solo sua per alcuni giorni. Non deve essere la stanza preferita degli altri animali di casa, ne’ quella dov’è si trovano le loro lettiere o ciotole.
  2. Allestisci in questa stanza tutto l’occorrente per il nuovo arrivato: cuccia, ciotole, lettiera, giochi. Non lasciare che gli altri gatti di casa possano più entrarci per alcuni giorni prima dell'arrivo del gattino.
  3. Vai a prendere il gattino con un trasportino che funzioni perfettamente e che sia coperto da un telo. Questo gli permette di fare un viaggio più tranquillo e di non essere terrorizzato da ciò che vede attorno a sé.
  4. Quando entrerai in casa con il nuovo gattino, non mettere il trasportino in mezzo al soggiorno in attesa che gli altri animali vadano ad annusarlo!!! E’ il modo peggiore per farli incontrare.
  5. Porta il nuovo micio nella sua stanza e lasciargli il tempo di ambientarsi senza forzarlo. Coccola come sempre gli altri animali e riserva loro le solite attenzioni.
  6. Passando dalla stanza del nuovo micio agli altri animali e viceversa, darai modo a tutti di conoscersi a distanza attraverso gli odori. Può essere che quando gli animali di casa ti annusano, mostrino un notevole interesse, oppure agitazione, paura: soffiano, brontolano, scappano. E’ tutto normale. Non forzarli a fare ciò che non si sentono di fare.
  7. Gradualmente, almeno dopo 5-7 giorni e comunque solo quando noterai che i gatti di casa sono più tranquilli, puoi far utilizzare le stanze in modo alternato al nuovo gattino o e ai tuoi animali. In questo modo entrambi percepiranno più chiaramente la presenza degli altri nel loro spazio, ma senza entrare in conflitto. Quindi ad esempio, prima lasci il nuovo micio girare libero tra la sua stanza e il soggiorno in assenza degli altri animali di casa e poi invece lascerai utilizzare a loro il soggiorno, senza che il nuovo micio sia presente.
  8. Infine, quando vedrai una situazione più rilassata sia del nuovo arrivato che degli animali di casa, puoi farli incontrare, sotto attenta supervisione. Non lasciarli mai da soli quando ti assenti finché non noterai che sono completamente a loro agio assieme. Quando sarai lontano da casa, lascia il nuovo micio nella sua stanza, in sicurezza.

DAI TEMPO AL TEMPO. Non forzare il nuovo arrivato ad uscire da sotto il mobile, ne’ i tuoi animali di casa a continuare a farsi coccolare da te se non vogliono. E’ una situazione di transizione delicata, specialmente per i gatti, che sono estremamente territoriali. L'inserimento completo di due gatti adulti può richiedere da un paio di settimane ad alcuni mesi. 

Inserire un nuovo gattino con un gatto adulto entro i 3-4 anni, può richiedere indicativamente due-tre settimane.

Inserire un nuovo gattino con un giovane gatto di età inferiore ad un anno, può richiedere una-due settimana circa. 

chi sono

Sono Ilaria, dal 2014 soccorro gattini neonati orfani o abbandonati. Studio tutto ciò che riguarda la loro crescita e mi sto formando come consulente in relazione felina per curare con attenzione il loro sviluppo comportamentale. Questo blog vuole essere un piccolo spazio in cui racchiudere quante più informazioni possibili sul piccolo, delicato e meraviglioso mondo dei gattini.

Ultimi articoli