Gattino neonato

Quando apre gli occhi il gattino?

Come avviene l'apertura degli occhi nel gattino? A cosa bisogna prestare attenzione?

Normalmente un gattino nasce con gli occhi sigillati e l’apertura degli occhietti avverrà in modo graduale tra la prima e la seconda settimana di vita.

Una curiosità: i siamesi e gli orientali sono particolarmente precoci in questo: possono nascere dei gattini che hanno già gli occhi parzialmente aperti e l’apertura completa avviene entro pochi giorni.

Come avviene l'apertura degli occhi del gattino

Gli occhietti si apriranno seguendo questa successione:

  • iniziano a schiudersi partendo dall’angolo interno
  • prima si aprirà un piccolissimo forellino, via via si schiuderanno sempre di più verso l’esterno nell’arco di qualche giorno
  • durante questa fase l’occhietto assume una caratteristica forma a mandorla
  • alla fine della fase di apertura, l’occhietto apparirà completamente aperto
  • può capitare che, in questi giorni di apertura, un occhietto si apra prima dell’altro
  • all’interno di una cucciolata, i gattini possono aprire gli occhi in tempi diversi
  • durante l’apertura fisiologica degli occhietti e in assenza di problematiche valutate da un veterinario, non bisogna assolutamente forzare l’apertura delle palpebre.

A partire dal momento in cui gli occhi saranno aperti, la vista del gattino si svilupperà progressivamente, fino a completarsi in modo ottimale attorno ai tre mesi.

Già durante il primo periodo la vista si sviluppa notevolmente e già attorno al primo mese il gattino acquisisce la capacità di vedere in modo tridimensionale.

In condizioni normali, il gattino apre gli occhi nella successione che ti ho descritto e l’occhio appare:

  • pulito
  • senza lacrimazione
  • bene aperto
  • le palpebre non sono nè gonfie, nè arrossate, non ci sono secrezioni.

Come capire se qualcosa non va per il meglio

E allora, a cosa devi prestare attenzione in questo delicato momento?

Se noti che:

  • le palpebre sono arrossate, gonfie
  • ci sono secrezioni giallastre/verdastre
  • ci sono incrostazioni che tengono “incollate” le palpebre e non permettono all’occhio di aprirsi
  • se l’occhio risulta chiuso, molto gonfio e se noti o sospetti la presenza di pus
  • se il gattino ha superato le 2 settimane di vita e non ha ancora accennato ad aprire gli occhi (potrebbe esserci assenza di bulbo oculare)

Bisogna agire immediatamente portando il gattino dal veterinario.

Purtroppo spesso vengono recuperati gattini già in pessime condizioni al momento del ritrovo, ma la tempestività è d’obbligo.

Perché é fondamentale agire tempestivamente

Una qualunque infezione batterica nel gattino neonato, può facilmente evolvere in setticemia in tempi rapidissimi.

Setticemia significa che la morte del gattino avviene in modo, il più delle volte, fulminante. Ogni infezione batterica nel gattino quindi deve essere affrontata in modo quanto più immediato e deciso possibile. E questo lo dicono tutte le linee guida di neonatologia veterinaria.

Quindi, appena noti qualcuno dei sintomi sopra descritti, contatta immediatamente un veterinario: il più delle volte è sufficiente una pomata oftalmica o un collirio antibiotico, da applicare per 7-8 giorni, per riportare il tutto alla normalità, ma ogni situazione va valutata caso per caso e sarà il veterinario a consigliare la terapia più idonea o interverrà per favorire la fuoriuscita di pus.

Poichè spesso le congiuntiviti rappresentano il primo segnale di altre malattie, come ad esempio l’Herpesvirus felino, presta contestualmente attenzione all’eventuale comparsa di starnuti, scolo nasale, difficoltà a respirare. In questo caso, rivolgiti al veterinario per valutare una eventuale terapia aggiuntiva.

Attenzione all'igiene!

Se tutto procede al meglio, ovvero gli occhi si schiudono senza problematiche, ti raccomando ugualmente di prestare molta attenzione all’igiene dello spazio del gattino: cambia e lava le sue copertine ogni giorno ad alte temperature (maggiori di 60 gradi) e lavati benissimo le mani ogni volta prima di maneggiarlo. Le condizioni di ottima igiene riducono drasticamente il proliferarsi di infezioni batteriche. In questo mio articolo ti spiego come pulire e disinfettare lo spazio del gattino.

Ora sai a cosa prestare attenzione sia se lo hai appena trovato, sia se ti stai occupando di lui durante questa fase. Nel mio video dedicato trovi le immagini che accompagnano ciò che ti ho spiegato:

chi sono

Sono Ilaria, dal 2014 soccorro gattini neonati orfani o abbandonati. Studio tutto ciò che riguarda la loro crescita e mi sto formando come consulente in relazione felina per curare con attenzione il loro sviluppo comportamentale. Questo blog vuole essere un piccolo spazio in cui racchiudere quante più informazioni possibili sul piccolo, delicato e meraviglioso mondo dei gattini.

Ultimi articoli