Accoppiamento e sterilizzazione > Mamma gatta

La sterilizzazione del gatto maschio domestico

LA STERILIZZAZIONE NON E’ CONTRO NATURA, MA UN ATTO DI RESPONSABILITA’ E AMORE

Ritieni che la castrazione sia evitabile solo perché il tuo gatto è maschio? Ritieni che la sterilizzazione sia contro natura?

La vita degli animali da compagnia è già alterata, essendo essi dipendenti e condizionati dall’ uomo in mille modi diversi!

Contro natura è strappare i cuccioli alle loro madri o, peggio,ucciderli con rimedi terribili ai quali troppo spesso ricorre l’uomo. La sovrappopolazione felina oramai è un problema importante.

Una femmina, nel corso di una stagione riproduttiva, può fa nascere fino a 18 gattini.
La sterilizzazione del gatto maschio è un atto di responsabilità che tutti i proprietari di gatti maschi dovrebbero compiere. Non va evitata solo perchè non sarai tu ad avere l’onere dei cuccioli che nasceranno!

I BENEFICI PER LA SALUTE DEL GATTO:

  • La sterilizzazione non influenza e non modifica il carattere del gatto
  • prevenzione delle malattie testicolari, dell’ infiammazione e dell’ingrossamento della prostata, dei tumori alle ghiandole perianali per i maschi
  • diminuzione alla tendenza di vagabondare e lottare con gli altri maschi e conseguentemente il pericolo di riportare graffi o ferite anche più gravi.
  • nel gatto maschio netta riduzione o scomparsa del comportamento di marcatura, ovvero spruzzare l’urina per delimitare il proprio territorio. L’urina perde l’odore pungente che caratterizza i maschi interi.

COME I MASCHI MANIFESTANO L'ISTINTO AD ACCOPPIARSI:

I gatti maschi manifestano il loro impulso (che può sfociare anche in ansia) ad accoppiarsi:

  • Attraverso la marcatura urinaria verticale, spruzza urina, dall’odore pungente, restando in piedi e ondeggiando la coda.
  • Attraverso miagolii costanti, aggressività, mancanza di appetito, atteggiamento malinconico, nervosismo
  • Tendendo alla fuga al fine di ricercare la partner e a intraprendere lotte con altri maschi competitori

QUANDO SI EFFETTUA L'INTERVENTO E COME:

Generalmente la sterilizzazione dei gatti maschi viene effettuata dopo la discesa nello scroto di entrambi i testicoli, intorno ai  6-8 mesi di vita.

Qualora i testicoli o uno dei testicoli non sia disceso nello scroto, il veterinario procederà con una ecografia per verificarne la posizione esatta (se in prossimità dello scroto o ritenuti nell’addome) e quindi effettuerà un intervento chirurgico mirato.

L’intervento di castrazione (orchiectomia) consiste nella rimozione dei testicoli ed è un’operazione che solitamente non presenta particolari difficoltà o complicazioni.

L’INTERVENTO DI STERILIZZAZIONE NEL MASCHIO:

Il gatto va tenuto a digiuno a partire da 8-10 ore precedenti all’intervento; è comunque possibile dargli da bere entro le 3 ore dall’operazione.

L’intervento dura pochi minuti e le attuali tecniche di anestesia permettono un più rapido e pronto recupero post operatorio.

Nelle ore successive all’intervento, lascia il tuo gatto tranquillo, e assicurati che non lecchi la ferita lasciata dall’operazione.

Alimenta il gatto soltanto dopo alcune ore dal termine dell’operazione, in quanto l’anestesia a cui sono sottoposti durante l’intervento può indurre nausea e movimenti scoordinati: lascia le ciotole in prossimità della sua cuccia.

Se la ferita dovesse gonfiarsi o lacerarsi, consulta subito il tuo veterinario.

IL GATTO INGRASSA DOPO LA STERILIZZAZIONE?

Non associare le due cose: alcuni gatti sterilizzati ingrassano, mentre altri mantengono una linea invidiabile.

L’obesità è una conseguenza indiretta della sterilizzazione.

La causa reale di obesità nel gatto è da ricercarsi nell’alimentazione eccessiva rispetto alla  vita sedentaria e meno attiva che il gatto potrebbe iniziare a praticare quando, dopo la sterilizzazione, non è più spinto a girovagare ovunque per cercare un partner, tenere sotto controllo il territorio ecc.

Il consiglio è di cercare di mantenere un buon livello di attività fisica del tuo gatto, creando momenti di gioco e attività fisica e, ovviamente, tieni sotto controllo l’apporto di calorie in modo che siano in linea con il suo movimento.

chi sono

Sono Ilaria, dal 2014 soccorro gattini neonati orfani o abbandonati. Studio tutto ciò che riguarda la loro crescita e mi sto formando come consulente in relazione felina per curare con attenzione il loro sviluppo comportamentale. Questo blog vuole essere un piccolo spazio in cui racchiudere quante più informazioni possibili sul piccolo, delicato e meraviglioso mondo dei gattini.

Ultimi articoli