IL PRIMO E UNICO PORTALE IN ITALIA DEDICATO AI GATTINI NEONATI, IN SVEZZAMENTO E IN CRESCITA

Accoppiamento e sterilizzazione > Mamma gatta
gatto maschio uccide gattini

Perchè il gatto maschio uccide i gattini neonati

Sì, un gatto maschio non sterilizzato uccide i gattini neonati.  E’ UNA TRISTE REALTÀ, MA QUALCUNO TE LA DEVE DIRE. 

Le gatte che vivono libere cercano in ogni modo di tenere nascosti i piccolini nelle prime 4 settimane di vita, spostando la loro tana anche più volte. Questo non basta a fermare i gatti maschi che vivono in quello stesso territorio e che spesso riescono a rintracciare i piccolini, con l'obiettivo di ucciderli.

Ecco perché sterilizzare un gatto maschio libero di vagare, diventa, ancora una volta in più, così importante. 

Perchè un gatto maschio uccide i gattini?

Le ragioni che portano il gatto maschio a compiere questo atto, che ai nostri occhi sembra atroce, sono molteplici e sono tutte radicate negli istinti profondi e nella struttura sociale del gatto.

gatto maschio uccide i gattini

I gatti sono molto territoriali, spesso, però vivono in gruppi, un po' come fanno i leoni. C'è un maschio in particolare che cerca di ritagliarsi il suo territorio. Questo tiene alla larga gli altri maschi o puntualmente li affronta per stabilire chi “comanda” e dove. Gli altri maschi possono essere ugualmente stanziali e quindi le lotte si innescano più e più volte, perchè ogni individuo cerca di avere il suo spazio. Oppure possono invadere saltuariamente un territorio, arrivando anche da centinaia di metri di distanza, in particolare durante il periodo dell'accoppiamento.

Un gatto maschio che fa parte di un gruppo (ovvero di una cosiddetta colonia felina), combatte anche per evitare che altri maschi si accoppino con le “sue” femmine. Quando un intruso si accoppia con una femmina, infatti, diffonde il suo DNA in un territorio che non gli appartiene. 

Agli occhi del maschio più territoriale, ecco che  i gattini nati da quell’accoppiamento diventano una minaccia indiretta: impediscono al suo proprio Dna di diffondersi: quindi vanno eliminati.

Noi potremmo inorridire di fronte a questi comportamenti, che sono però il frutto di istinti atavici. Il gatto li compie nel pieno rispetto delle sue caratteristiche di specie.

Prevenire con la sterilizzazione

Da parte tua, puoi evitare queste spiacevoli situazioni e puoi prevenirle, sterilizzando anche i gatti maschi. E' importante sterilizzarli sia che siano gatti di casa con la possibilità di girovagare liberamente, sia che appartengano ad una colonia felina.

Per sterilizzare i gatti che appartengono ad una colonia felina (ovvero gatti liberi e stanziali in un territorio) puoi contattare la tua ulss. I servizi veterinari sono preposti alla sterilizzazione gratuita di questi gatti liberi.

Attenzione, non pensare che i gatti d'appartamento, che magari vivono con altri maschi interi, ad esempio in un contesto di allevamento casalingo, non possano compiere questo gesto! Gli spazi ristretti delle quattro mura, innescano una territorialità ancora più intensa nel maschio.

Inoltre, c'è da considerare che un gatto maschio uccide i gattini neonati anche giocando "al gatto e al topo" in modo pesante, fino a ferite mortali.

In presenza di uno o più maschi adulti, la femmina e i suoi piccoli dovrebbero essere tenuti rigorosamente separati e in sicurezza fino allo svezzamento inoltrato.

Chi sono

 

Sono Ilaria, da anni mi occupo di gattini neonati e in crescita. Non ho mai creduto nelle frasi quali “la natura deve fare il suo corso” o “senza mamma non ha speranze”.

C’è quasi una rassegnazione al fatto che una parte dei gattini neonati sia destinata a non sopravvivere.

Ho creato il primo e unico portale in Italia dedicato al mondo dei gattini in crescita, dove ho raccolto informazioni utili a ridurre i tassi di mortalità dei gattini e molte informazioni di supporto per chi li accudisce.

 

DISCLAIMER:

Ogni articolo è puramente informativo, non ho la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari, né realizzare alcun tipo di diagnosi.

In nessun caso tali informazioni possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita e/o il rapporto diretto con un veterinario. Prima della somministrazione di qualsiasi farmaco o in presenza di qualsiasi tipo di malessere invito il lettore a contattare prontamente il veterinario.

Eventuali decisioni prese dal lettore sulla base delle informazioni riportate in questo blog, sono assunte in piena autonomia decisionale e a proprio rischio: qualora il gatto stia male, invito a contattare immediatamente il veterinario.

Tutte le informazioni del sito laryeilmondodeigattini.it derivano da esperienze personali, studi clinici e/o articoli scientifici di pubblico dominio, da fonti bibliografiche citate o da materiale di libera consultazione sul Web, pertanto  sono esclusivamente a scopo informativo, senza essere in alcun modo legalmente perseguibili e quindi non si accettano responsabilità per danni derivati dall’uso di queste informazioni. I contenuti del sito sono da intendersi come approfondimento culturale: non sostituiscono la diagnosi del veterinario.

 

 

 

 

Ultimi articoli